E. TURISMO

Progetto bandiera
Per fare di Fano la città del benessere il turismo deve essere l’asset strategico prioritario della nostra azione amministrativa, avendo ben chiaro il suo valore sociale ed economico.
Intendiamo porre il turismo al centro dell’azione di sviluppo della città, pensando ad una strategia unica che metta insieme tutte le leve necessarie (pianificazione urbanistica, cura della bellezza della città, organizzazione di eventi e promozione, formazione degli operatori, brand e comunicazione, ecc.).
Stante la perdurante difficoltà di alcuni comparti produttivi e considerate le potenzialità ancora inespresse della città e del territorio, il turismo è un settore suscettibile di forte crescita, su cui lavorare con assoluta determinazione per avere un’attività turistica dodici mesi l’anno.
Vogliamo affiancarci agli operatori turistici agevolando e sostenendo la riqualificazione delle strutture ricettive. Il nuovo PRG dovrà creare le condizioni, anche con normative ad hoc, affinché il sistema ricettivo possa crescere ulteriormente, prevedendo ampliamenti delle strutture esistenti e la possibilità di costruirne di nuove (alberghi, area sosta camper, ecc.) in aree idonee dal punto di vista del paesaggio e delle infrastrutture.
Anche la nuova struttura polivalente per lo sport (nuovo palazzetto) avrà un ruolo positivo per l’economia del settore.
La nostra città si è recentemente dotata di un city brand, collegando la sua immagine a tre attrattori turistici (clusters) “Città di Vitruvio”, “Città del Carnevale”, “Città delle bambine e dei bambini” che rafforzano la comunicazione dell’identità di Fano verso l’esterno e suscitano interesse e aspettative nei visitatori. Ora sarà nostro impegno non deludere tali aspettative, operando quotidianamente per la valorizzazione del patrimonio archeologico, il potenziamento del Carnevale, l’estensione degli interventi in favore dei più piccoli e di una città per tutti.

Negli ultimi anni l’amministrazione si è dotata di un’efficace pagina social “Visit Fano” che ha dato grandissimi risultati in termini di comunicazione, a costo zero, raggiungendo quasi 7 milioni di contatti. Occorre proseguire in tal senso ottimizzando l’apporto dei nuovi strumenti tecnologici e della rete e continuando ad avvalersi di consulenti specializzati e altamente professionali. Ciò contribuirà, insieme a sempre mirate azioni di promozione, a rafforzare l’immagine della città e a collocarla sempre più nello scenario globale delle destinazioni turistiche.
Il turista, poi, non è più solo il turista del mare, vuol fare esperienze (cultura, storia, paesaggio, gastronomia…). Gli operatori e la città devono proporre agli ospiti nuove esperienze: il mare, la città ma anche un territorio dell’entroterra di grande bellezza.
L’Amministrazione comunale ha recentemente affidato ad un pool di imprenditori privati la piattaforma del Distretto Culturale Evoluto “Flaminia Nextone”, con il compito di sviluppare iniziative di promozione e valorizzazione della via consolare Flaminia, compresa tra Fano e Cantiano, e il suo territorio. Nei prossimi anni occorre concretizzare le prime azioni in tal senso e cercare di estendere il progetto ad altri comuni e territori umbri e laziali che ne hanno fatto richiesta mantenendo la nostra città come capofila.

Fano è l’affaccio sul mare della vallata del Metauro, un prezioso territorio ricco d’arte, storia, paesaggi, enogastronomia. Con questo territorio va sviluppata una strategia comune, sia attraverso il DCE che attraverso il Contratto di fiume, per generare un’offerta turistica e culturale a tutto tondo e che non veda limiti stagionali.

Occorre potenziare il sostegno alle attività di accoglienza e i servizi sul lungomare affinché anche le zone lontane dal centro urbano non si sentano periferia, con particolare attenzione al settore sud dove maggiore è la concentrazione delle strutture ricettive, con adeguate risorse per l’animazione turistica e attività di accoglienza per i più piccoli.
Intendiamo portare avanti il progetto “ristoranti a misura di bambino” e istituire la consulta del turismo.
Intendiamo continuare e sviluppare il buon lavoro di comunicazione e organizzazione già fatto, in collaborazione con gli operatori, attraverso la produzione di materiali per la promozione, vademecum di eventi e manifestazioni, evitando sovrapposizioni e puntando sulla destagionalizzazione. Utile anche la produzione e diffusione di piccole guide su storia, arte, archeologia e monumenti della città.

Intendiamo puntare poi su mercati turistici nuovi, come l’est Europa e la Cina. Recente è l’accordo tra Regione Marche e Cina per collegamenti aerei diretti Falconara-Shanghai. Si aprono così straordinari scenari di crescita turistica anche per Fano che dovrà essere pronta ad inserirsi nei pacchetti che la Regione sta preparando per i nuovi visitatori. Utile anche la partecipazione a fiere turistiche che potranno far conoscere il nostro territorio ai nuovi mercati.
Va realizzato, a cominciare dal centro storico, un sistema segnaletico di orientamento turistico-pedonale. Il progetto è già disponibile.

Lo scorso anno Fano ha ospitato la cerimonia di conferimento della Bandiera Blu alle città marchigiane. L’impegno è di lavorare in tutte le direzioni per aumentare la qualità ambientale e i servizi per garantirsi il prestigioso vessillo anche nei prossimi anni.

Monitorare e ottimizzare i punti di informazione turistica, verificando sempre la professionalità e preparazione del personale.

Implementare il bike e trekking tourism, anche grazie ai progetti di fruizione del Fiume Metauro che si stanno elaborando d’intesa con le associazioni all’interno del Contratto di fiume.

Piena adesione e collaborazione all’accordo quadro sul turismo accessibile e sostenibile (TAES).

Favorire la diffusione di modelli di “Albergo diffuso”, anche tramite il recupero di patrimonio edilizio esistente, soprattutto di carattere storico, anche nelle frazioni e nei borghi.

Favorire lo sviluppo di forme di arte urbana (street art) come strumento non solo di riqualificazione di aree periferiche cittadine ma anche come incentivo turistico.
Può essere utile la sperimentazione di una scheda di valutazione degli eventi, studiata con la collaborazione di esperti del settore. I dati possono contribuire a diffondere nozioni tecniche spesso ignorate, ma utili per far crescere in qualità gli eventi e sviluppare la strategia turistica della città.

Programma

In un momento storico, sociale ed economico in cui si accentuano le differenze e si ergono muri, noi intendiamo mettere in campo le intelligenze e la maturità di donne e uomini, pronti a impegnarsi nel servire e migliorare la nostra comunità, il nostro territorio e il paese in cui viviamo, decisi a lavorare per una città che amiamo, per renderla ancor più bella, aperta e accogliente, dinamica e operosa, intelligente e orientata al futuro, dove tutti possano stare meglio e cogliere opportunità di crescita personale e sociale.

A questo fine noi, partiti e liste civiche di centrosinistra – Partito Democratico, Noi Città, Noi Giovani, In Comune, Insieme è Meglio – ci uniamo per sostenere Massimo Seri come sindaco della città, in ragione dei risultati già raggiunti insieme negli ultimi cinque anni di governo e dei molti progetti messi in campo che intendiamo portare a compimento nei prossimi anni, aggiungendo nuovi obiettivi e traguardi, capaci di far crescere la città e portarla verso nuovi orizzonti.

Il documento programmatico disegna in modo chiaro gli obiettivi che ci poniamo e siamo certi di poterli conseguire perché la nostra coalizione, intorno ad un candidato sindaco capace e determinato, propone ai cittadini, per la loro valutazione e scelta alle prossime elezioni amministrative di maggio, un progetto chiaro di città ma anche un bel mix di persone con esperienza e di persone nuove, ricche di competenze e volontà di fare il bene della città, con coraggio e determinazione.

Intendiamo anche operare per mantenere sempre un clima civile e democratico, tenendo al centro i valori della persona, della partecipazione, della concordia, dell’ambiente, della cultura, del lavoro e della crescita. A questi valori si ispirano i grandi obiettivi che compongono il nostro programma e tutti i progetti e le azioni che abbiamo condiviso per conseguirli.

Il benessere della nostra comunità di persone è il nostro obiettivo strategico di mandato, politicamente rilevante e unificante, e mette insieme, ovviamente, temi importanti e intrecciati fra loro. Pensare e agire per il benessere del cittadino significa vincolarsi anche alla qualità del governo che la nostra coalizione intende darsi quale condizione necessaria nella propria azione quotidiana.